Giochi giocattoli e fiabe

Giochi giocattoli e fiabe

Giocare con i materiali per costruire piccole sequenze teatrali di uso quotidiano

Percorso di aggiornamento rivolto ad educatori/educatrici

Condotto da Paola Bassani

Il laboratorio che proponiamo parte dall’osservazione del gioco infantile ricco di quelle implicazioni “animiste” che i bambini/e riversano su pupazzi ed oggetti anche di uso quotidiano, trasformando cose in personaggi con un continuo rimando fra vero e finto: tutto può prendere vita e, usando un termine pre-teatrale, essere “giocato”.

Pensare la possibilità di altre vite, nascoste finché i nostri occhi non le scoprono e le nostre mani non le animano, ritrovare la capacità di “vedere altro” in forme e materiali inanimati può diventare una possibilità in più per esprimersi e comunicare anche con i bambini/e più piccoli

L’animazione spontanea di avvenimenti quotidiani o avventure strabilianti ci permette di leggere sentimenti ed emozioni che spesso i bambini/e tendono a nascondere.

Partendo da materiali disponibili nelle scuole ci prefiggiamo di creare animazioni strutturate: risignificando materiali quotidiani, animando situazioni importanti della giornata, raccontando in modo già teatrale filastrocche, fiabe, canzoni.

Prenderemo in considerazione per ogni stimolo suggerito due possibilità: raccontare con l’oggetto così com’è e raccontare con l’oggetto trasformato.

Proveremo a sperimentare, col metodo dell’improvvisazione teatrale, cosa significa raccontare cercando suggerimenti dentro di sé, nelle cose che ci stanno attorno, nei bambini/e, nei materiali stessi.

 

Fasi di lavoro:

  • Il cesto dei giochi: animare i giocattoli reinventandone ruoli e caratteri
  • Il cesto degli stracci: animare materiali informi definendo struttura e corpo
  • Carta e cartone: animare forme, anche astratte, componendole in modo da formare personaggi
  • La natura: animare elementi naturali partendo dalla loro forma e consistenza
  • Le mani: animare le mani usando colori e piccoli elementi significativi
  • L’armadio: animare scarpe e abiti dei bambini
  • La tavola: animare stoviglie e vivande
  • Il bagno: animare i rubinetti per ascoltare la voce dell’acqua
  • La nanna: animare piccole luci per vedere le ombre nel buio
  • I teatrini: raccontare una fiaba con l’aiuto di scatole magiche

Note:

Il laboratorio prevede 10 incontri di 2 ore ciascuno ed è rivolto ad un gruppo di massimo 25 partecipanti.

I materiali per il laboratorio sono forniti dalla compagnia e raccolti dai partecipanti (materiali di recupero).

Alla fine del percorso sarà redatta una raccolta (scritta e fotografica) dei materiali elaborati dal gruppo di lavoro.

Info:
tel. tel. +39 3391699157 – 3938361315
info@teatromangiafuoco.it
dal lunedi al venerdi dalle 10.30 al